Etichetta su salumi e carni processate, come per le sigarette : è svolta in California.

SCR 100, una risoluzione introdotta nella California State Legislature dal Sen. Ricardo Lara (D-Bell Gardens), esorta l’ Office of Environment Health Health Hazard Assessment (OEHHA) ad aggiungere alla lista californiana delle sostanze che notoriamente causano il cancro, gli hot dog, la pancetta e gli affettati, come previsto dalla proposta 65, insomma tutta la carne processata. Il disegno di legge è sostenuto dal Comitato dei medici per la medicina responsabile (PCRM)

Un rapporto dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità del 2015 ha classificato la carne processata, compreso il salame, il prosciutto e la salsiccia ottenuti da carne suina, bovina o avicola, come cancerogeno del gruppo 1. Gli autori hanno evidenziato attraverso una meta-analisi che ha concluso che ogni porzione di 50 grammi di carne processata consumata giornalmente aumenta il rischio di cancro colorettale del 18 per cento. Gli studi dimostrano che la carne processata aumenta anche il rischio di cancro al seno e al pancreas.

L’ SCR 100 sollecita l’ OEHHA a conformarsi alla proposta 65 e avverte gli individui della loro potenziale esposizione a questa sostanza nociva modificando il Codice dei regolamenti della California, titolo 27, sezione 27001 (b) per aggiungere “carne lavorata (consumo di)” all’ elenco delle “sostanze chimiche note allo Stato che causano il cancro”.

A un certo punto, la gente fumava sigarette senza pensarci troppo o non considerando i rischi per la salute, perché erano completamente inconsapevoli che ci fossero“, dice Judie Mancuso, fondatore e presidente della Compassione Sociale nella legislazione. “Molte persone in tutto il mondo fumano ancora oggi, ma almeno conoscono i rischi potenziali e molti non fumano più o hanno diminuito a causa della loro consapevolezza del potenziale di sviluppare il cancro ai polmoni. Questo è tutto ciò che chiediamo: le persone hanno il diritto di conoscere i rischi connessi al consumo di carne processata, che a lungo andare può provocare il cancro al colon “.

Le sostanze chimiche sono aggiunte o eliminate dall’ elenco ufficiale sulla base dell’ analisi compiuta dalla California delle informazioni scientifiche attuali e l’ elenco deve includere almeno le “sostanze” di cui alle sezioni 6382 (b)(1) o 6382 (d) del codice del lavoro, la prima delle quali identifica mediante sostanze chimiche di riferimento o sostanze elencate dall’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). Nel 2015, l’ IARC ha classificato il consumo di carne lavorata come “cancerogeno per l’ uomo” (Gruppo 1) sulla base di prove sufficienti per il cancro colorettale dopo aver valutato più di 800 studi epidemiologici.

Le aziende che vendono prodotti associati a queste sostanze elencate, sia in combinazione con sostanze non elencate che da sole, in California devono fornire avvertenze “chiare e ragionevoli” sull’ etichetta per informare i consumatori sul rischio.

Esiste un processo normativo che consente ai produttori di carne lavorata e al pubblico di pesare la questione prima che venga formalmente inserita nell’ elenco, ma l’ OEHHA non ha avviato tale processo in conformità della legislazione vigente.

Grazie a questa proposta, i californiani verrebbero avvertiti del chiaro rischio di cancro di consumo dei salumi e di altre carni lavorate “, dice Susan Levin, M. S., R. D., direttore dell’ educazione alimentare per il comitato dei medici per la medicina responsabile.

Il cancro del colon-rettale è la seconda causa principale di decessi correlati al cancro in California. Che ne pensate, confezioni di salumi e salsiccie al supermercato con l’etichetta ” L’hot dog causa il cancro” ? Certo, ancora manca l’ultimo tassello prima che venga approvata, però…
Severo ma giusto.

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *