Dr. Gøtzsche : ecco 10 falsi miti sulla psichiatria

Psichiatria : possiamo parlare di pseudoscienza?

La malattia mentale è causata da uno squilibrio chimico nel cervello?

Alla maggior parte dei pazienti viene detto questo, ma è completamente sbagliato. Non abbiamo alcuna idea quale interazione di condizioni psicosociali, processi biochimici, recettori e vie neurali portino a disturbi mentali e le teorie che i pazienti con depressione sono privi di serotonina e che i pazienti affetti da schizofrenia hanno troppa dopamina sono da tempo confutate. La verità è esattamente l’opposto. Non c’è squilibrio chimico per cominciare, ma quando trattiamo le malattie mentali con psicofarmaci, si crea uno squilibrio chimico, una condizione artificiale che il cervello cerca di contrastare.
Questo significa che si sta peggio quando si tenta di arrestare il farmaco. Un alcolista sta peggio quando non c’è più alcol, ma questo non significa che gli mancava l’alcol nel cervello quando ha iniziato a bere.
La stragrande maggioranza dei medici danneggia ulteriormente i loro pazienti, dicendo che i sintomi di astinenza indicano che essi sono ancora malati e hanno ancora bisogno dei farmaci. In questo modo, i medici trasformano le persone in malati cronici, compresi quelli che sarebbero stati bene anche senza alcun trattamento. Questo è uno dei motivi principali per cui il numero di pazienti con disturbi mentali è in aumento, e che il numero di pazienti che non tornano nel mercato del lavoro aumenta. Ciò è dovuto ai farmaci e non alla malattia.

Ci sono problemi ad interrompere il trattamento con antidepressivi?

Un professore danese di psichiatria ha detto questo in una recente riunione per gli psichiatri, solo dopo che avevo spiegato che era difficile per i pazienti smettere. Fortunatamente, è stato contraddetto da due docenti stranieri anche nel corso della riunione. Uno di loro aveva fatto una prova con pazienti affetti da disturbo di panico e agorafobia e la metà di loro ha trovato difficoltà a smettere anche se hanno diminuito lentamente le dosi. Non può essere perché la depressione è tornata, perché i pazienti non erano depressi all’inizio. I sintomi di astinenza erano dovuti principalmente agli antidepressivi e non alla malattia.

Gli psicofarmaci per la malattia mentale sono come l’insulina per il diabete?

La maggior parte dei pazienti con disturbo bipolare o schizofrenia hanno sentito questa menzogna più e più volte, quasi come un mantra, in TV, alla radio e sui giornali. Quando si dà l’insulina ad un paziente con il diabete, si dà qualcosa che al paziente manca, cioè l’insulina. Dal momento che non siamo mai stati in grado di dimostrare che a un paziente con un disturbo mentale manca qualcosa che alle persone che non sono malati non manca, è sbagliato usare questa analogia.
Ai pazienti con la depressione non manca la serotonina, e in realtà vi sono farmaci che funzionano per la depressione, anche se abbassano la serotonina. Inoltre, a differenza dell’insulina, che sostituisce proprio quello che al paziente manca, e non fa altro, gli psicofarmaci presentano una vasta gamma di effetti in tutto il corpo, molti dei quali sono nocivi. Quindi, anche per questo motivo, l’analogia con l’insulina è estremamente fuorviante.

  Gli psicofarmaci riducono il numero di malati cronici?

Questo è probabilmente il peggior mito di tutti. Il giornalista scientifico americano Robert Whitaker dimostra in modo convincente in “Anatomia di un’epidemia”, che il crescente uso di psicofarmaci non solo mantiene i pazienti bloccati nel ruolo di malati, ma si aggiugono molti problemi che sarebbero stati transitori nelle malattie croniche.

Se ci fosse stato qualcosa di vero nel mito dell’insulina, ci saremmo aspettati di vedere un minor numero di pazienti che non possono badare a se stessi. Tuttavia, è accaduto il contrario. La prova più evidente di questo è anche la più tragica, ovvero il destino dei nostri figli dopo che abbiamo iniziato a trattarli con i farmaci. Negli Stati Uniti, lo psichiatra raccoglie più soldi dai produttori di farmaci dei medici in qualsiasi altra specialità e coloro che prendono più soldi tendono a prescrivere più spesso antipsicotici ai bambini. Questo solleva il sospetto di corruzione.

Le conseguenze sono schiaccianti. Nel 1987, poco prima che i nuovi antidepressivi (SSRI o pillole della felicità) fossero arrivati sul mercato, pochissimi bambini negli Stati Uniti erano disabili mentali. Venti anni dopo erano più di 500.000, che rappresenta un aumento di 35 volte maggiore. Il numero di disabili malati di mente è esploso in tutti i paesi occidentali. Una delle peggiori conseguenze è che il trattamento con i farmaci ADHD e pillole della felicità ha creato una malattia completamente nuova in circa il 10% di quelli trattati – il disturbo bipolare – che abbiamo precedentemente chiamato malattia maniaco-depressiva.

Leggi anche : Il Ritalin, usato nel trattamento dell’ ADHD, è più potente della cocaina

Gli psichiatri hanno affermato che è “molto raro” che i pazienti su antidepressivi diventino bipolari. Non è vero. Il numero di bambini bipolari è aumentato di 35 volte negli Stati Uniti, il che costituisce un serio sviluppo,per l’utilizzo di farmaci antipsicotici per questo disturbo. I farmaci antipsicotici sono molto pericolosi ed è uno dei motivi principali per cui i pazienti con schizofrenia vivono 20 anni in meno di media rispetto ad altri. Ho stimato nel mio libro, ‘Medicina mortale e criminalità organizzata’ , che soltanto una delle molte preparazioni, Zyprexa (olanzapina), ha ucciso finora 200.000 pazienti in tutto il mondo.

Gli antidepressivi non provocano suicidi nei bambini e negli adolescenti

Alcuni professori sono disposti ad ammettere che le pillole della felicità aumentano l’incidenza di comportamento suicidario negando che questo porta necessariamente a più suicidi, anche se è ben documentato che le due cose sono strettamente correlate. Il CEO di Lundbeck, Ulf Wiinberg, è andato anche oltre in un programma radiofonico nel 2011, dove ha sostenuto che le pillole della felicità ridurrebbero il tasso di suicidi in bambini e adolescenti. Quando il giornalista gli ha chiesto sbalordito perché poi fu scritto un avvertimento contrario nei foglietti illustrativi, ha risposto che si aspettava che i volantini sarebbero stati modificati dalle autorità!

Leggi anche : Gli antidepressivi aumentano il rischio di suicidarsi del 250%

Sono stati riportati anche suicidi in persone sane, innescati dalle pillole della felicità. Le aziende e gli psichiatri hanno sempre accusato la malattia quando i pazienti si suicidano. E ‘vero che la depressione aumenta il rischio di suicidio, ma le pillole della felicità l’aumentano ancora di più, almeno fino a circa 40 anni, secondo una meta-analisi di 100.000 pazienti in studi randomizzati condotti dalla US Food and Drug Administration.

Leggi anche : Antidepressivi agli adolescenti? Rischiano il suicidio

Gli antidepressivi non hanno effetti collaterali

In una riunione internazionale sulla psichiatria nel 2008, ho criticato gli psichiatri per voler esaminare molte persone sane per la depressione. I test di screening raccomandati sono così poco specifici che una persona su tre, sana, sarà erroneamente diagnosticata come depressa. Un professore ha risposto che non importava che le persone sane venissero trattate con pillole della felicità perchè non hanno effetti collaterali!

In raltà gli antidepressivi hanno molti effetti collaterali. Essi rimuovono sia la parte superiore che la parte inferiore delle emozioni, che, secondo alcuni pazienti, ci si sente come vivere sotto un coperchio di un piatto di formaggio. Ai pazienti importano di meno le conseguenze delle loro azioni, perdono l’empatia verso gli altri, e possono diventare molto aggressivi. Nelle sparatorie a scuola negli Stati Uniti e in altri Paesi un numero impressionante di persone prendevano antidepressivi.

Leggi anche : Gli antidepressivi ti privano della tua empatia

Le aziende ci dicono che solo il 5% manifesta problemi sessuali con le pillole della felicità, ma non è vero. In uno studio volto a guardare a questo problema, i disturbi sessuali si sviluppano nel 59% dei 1.022 pazienti che avevano tutti una vita sessuale normale prima di iniziare ad assumere un antidepressivo. I sintomi includono diminuzione della libido, nessun orgasmo o eiaculazione ritardata, e disfunzione erettile, il tutto ad un tasso elevato, e con una bassa tolleranza tra il 40% dei pazienti. Le pillole della felicità, pertanto, non sono state commercializzate per la depressione per la quale l’effetto è piuttosto piccolo, ma piuttosto come pillole che distruggono la vostra vita sessuale.

Leggi anche : Gli psicofarmaci possono rovinare la tua vita sessuale

 

Gli antidepressivi non creano dipendenza

Invece sicuramente la creano e non c’è da meravigliarsi perché sono chimicamente correlati per agire come le anfetamine. Le pillole della felicità sono una sorta di narcotico su prescrizione medica. La peggiore argomentazione che ho sentito sul fatto che queste pillole non causano dipendenza è che i pazienti non necessitano di dosi più elevate. Dovremmo poi anche essere convinti che le sigarette non creano dipendenza? La stragrande maggioranza dei fumatori consuma lo stesso numero di sigarette per anni.

La prevalenza della depressione è aumentata?

Un professore ha sostenuto in un dibattito televisivo che il grande consumo di pillole della felicità non era un problema perché l’incidenza della depressione era aumentata notevolmente negli ultimi 50 anni. Ho risposto che era impossibile dire molto su questo perché i criteri per fare la diagnosi erano stati abbassati notevolmente durante questo periodo. Se si desidera contare gli elefanti in Africa, non possiamo abbassare i criteri per ciò che costituisce un elefante e includervi tutti gli gnu.

 Il problema principale è la sovramedicazione? No! La sottomedicazione.

Ancora una volta, gli psichiatri sono completamente fuori dalla realtà. In un sondaggio del 2007, il 51% dei 108 psichiatri ha detto che hanno usato troppi farmaci e solo il 4% ha dichiarato di utilizzarne troppo pochi. Nel 2001-2003, il 20% della popolazione statunitense di età compresa tra 18-54 anni ha ricevuto un trattamento per problemi emotivi, e la vendita di pillole della felicità sono così alti in Danimarca che ognuno di noi potrebbe essere in trattamento per 6 anni della nostra vita.

 

Gli antipsicotici prevengono i danni cerebrali?

Alcuni professori dicono che la schizofrenia provoca danni al cervello e che è quindi importante utilizzare gli antipsicotici. Tuttavia, gli antipsicotici portano al restringimento del cervello, e questo effetto è direttamente correlato alla dose e alla durata del trattamento. Ci sono altre buone prove che suggeriscono che si dovrebbero usare gli antipsicotici il meno possibile, in quanto i pazienti poi se la passano meglio nel lungo periodo. Infatti, si può completamente evitare di usare antipsicotici nella maggior parte dei pazienti affetti da schizofrenia, il che aumenterebbe significativamente le probabilità che essi diventeranno sani, e anche aumenterebbe l’aspettativa di vita, perché gli antipsicotici uccidono molti pazienti.

E allora : come dovremmo utilizzare gli psicofarmaci?

Io non sono contro l’uso di psicofarmaci, a patto che sappiamo quello che stiamo facendo e li usiamo soltanto in situazioni in cui fanno più bene che male. Gli psicofarmaci possono essere utili a volte per alcuni pazienti, in particolare nel trattamento a breve termine, in situazioni acute.

Ma i miei studi in questo campo mi portano a una conclusione che mi mette molto a disagio:

I cittadini starebbero molto meglio se rimuovessimo tutti i farmaci psicotropi dal mercato, e i medici che sono in grado di gestirli. E ‘inevitabile che la loro disponibilità crea più male che bene. Gli psichiatri dovrebbero quindi fare tutto il possibile per trattare con psicofarmaci il meno possibile, nel tempo più breve possibile, o per niente.

 

Peter Gøtzsche, MD

 

 

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.