Dr. Breggin, psichiatra “Vi racconto quale è la più grande bugia sugli psicofarmaci”

Nel gennaio 1999, una giovane donna è stata spinta da una piattaforma della metropolitana a New York City ed uccisa. L’autore è stato identificato dalla stampa come un paziente psichiatrico che aveva “smesso di prendere i suoi psicofarmaci“. L’Impero Farmaceutico e la psichiatria organizzata hanno manipolato questo orrendo evento per suscitare la paura del pubblico sui pazienti psichiatrici che smettono di prendere i loro farmaci. Il risultato ottenuto dallo Stato di New York era la “legge di Kendra“, che ha reso più facile il trattamento sanitario obbligatorio di pazienti che rifiutano di prendere il loro farmaco.

Quando i “pazienti psichiatrici” diventano violenti, la reazione dei media è quasi automatica: devono aver smesso di prendere i loro “meds”. Questa faccenda del violento paziente controllato da psicofarmaci è un mito. Non ci sono studi scientifici per confermarlo. Infatti, la FDA non ha approvato alcuna droga come efficace per il controllo della violenza. L’Impero Farmaceutico perpetra in modo implacabile la grande bugia perché fa portare a casa un trilione di dollari. Mantiene assuefatto il pubblico facendo credere che i farmaci psichiatrici siano l’ultima linea di difesa della società contro gli individui violenti.
Assicura anche a tutti gli psicofarmaci un’aura di magica efficacia che nessuno di loro possiede.

Il mito di “aveva smesso di prendere farmaci”

Anche se il mito dei “aveva smesso di prendere farmaci” non ha alcuna base scientifica, c’è una montagna di prove che molti psicofarmaci possono causare la violenza, inclusi gli antidepressivi. Molti studi sono prontamente disponibili sul mio Centro Risorse Antidepressivi, Sezione 5, “La violenza antidepressiva, l’aggressione, l’ostilità, l’irritabilità e il comportamento antisociale”. Inoltre, il mio libro “Medication Madness : il ruolo delle droghe psichiatriche nei casi di violenza, suicidio e crimine” riassume le prove e presenta molte storie sulla violenza indotta dagli psicofarmaci dalla mia esperienza clinica e forense come psichiatra.

I media e i suoi consulenti dell’impero farmaceutico continuano a sostenere che le droghe psichiatriche non provocano violenza. Nel decimo anniversario della tragedia di Columbine, USA Today ha illuminato la nazione sulla “verità” sui motivi degli autori di violenza Eric Harris e Dylan Klebold. Il giornale ha dichiarato in modo inequivocabile, “Contrariamente a quanto riportato in precedenza, Harris e Klebold non erano sotto farmaci antidepressivi“.

La tragedia della Columbine e gli antidepressivi

In realtà, USA Today non stava dicendo la verità. Il fatto è che Harris stava assumendo l’antidepressivo Luvox (fluvoxamina) fino alla sparatoria. Luvox è molto simile a Prozac, Paxil, Celexa e altri inibitori specifici di reuptake della serotonina (SSRIs).

Come esperto medico nei casi legati a Eric Harris, avevo accesso ai suoi documenti medici. I registri mostrano che il suo medico gli ha imposto progressivamente dosi più grandi di Luvox per un anno prima del giorno in cui ha commesso gli assassini di massa. Durante quell’anno sotto Luvox, sviluppò i suoi primi sentimenti violenti e psicotici. Inoltre, la relazione tossicologica basata su campioni di sangue dalla sua autopsia ha mostrato che lui avesse nel sangue  un livello “terapeutico” del farmaco. Questo ha dimostrato che lui ha preso il Luvox anche poco prima della sua morte e aveva un impatto attivo nel suo organismo al momento della sparatoria.

Ho scritto a USA Today per correggere i fatti, e ho citato la relazione tossicologica e una relazione di società di farmaci alla FDA che la conferma. Il giornale non mi ha mai risposto né ha stampato una retrazione.

Psicofarmaci e sindrome da sospensione

Quando i pazienti diventano molto più apertamente disturbati una volta che smettono di prendere i loro farmaci, questo è in genere il risultato di una sindrome da sospensione. Una delle cause giudiziarie per me più importanti, in cui ho consultato da medico e testimoniato, ha determinato un risarcimento di 11,9 milioni di dollari per la famiglia del defunto.

Il caso era basato sulla morte di un prigioniero il cui antidepressivo Paxil (paroxetina) era stato interrotto all’ammissione alla prigione, con conseguente sindrome da sospensione per diversi giorni che lo rendevano troppo disturbato per comunicare. Il dottore del carcere, senza chiedere da quanto tempo il detenuto fosse stato lontano dal suo Paxil, lo ha fatto riprendere a 30 mg.

Il paziente aveva assunto quella dose per diversi anni, ma il suo corpo non era più abituato. Se il medico avesse voluto che il paziente riprendesse Paxil, avrebbe dovuto aumentare gradualmente la sua dose per riattivare il suo corpo e il suo cervello.

Dopo la prima dose, il paziente si è ucciso, probabilmente da una combinazione di sindrome da sospensione e tossicità acuta. Il suo suicidio è stato estremamente doloroso e violento, cosa che si verifica comunemente nei suicidi indotti da antidepressivi (vedere la sezione 2C per i giornali di ricerca del mio Centro Resource per gli Antidepressivi).


Come ridurre la violenza

Se vogliamo ridurre la violenza la risposta non è più psicofarmaci, ma meno. Forzare i pazienti a prendere droghe comporta che poi loro segretamente smettono di prenderli senza una corretta supervisione clinica e il sostegno di una rete sociale.

Immagina di gestire un settore in cui è possibile costringere le persone a utilizzare i tuoi prodotti – anche se i prodotti sono neurotossici velenosi. Immaginate di convincere la gente che sono indispensabili per una società corretta. Immagina che il  governo ti aiuti per far rispettare i tuoi obiettivi di profitto per trasformare le persone in consumatori, sia che vogliano i tuoi prodotti o no.
Bene, tutto ciò che è successo e che sta succedendo adesso.
È ora di fermarlo.
Una popolazione con molto meno drogati sarà una società molto più sicura e più sana.

Dr Peter Breggin

Commenta

Sharing is caring!

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *