Veleni venduti a caro prezzo: grazie Merck

Avete mai sentito parlare del Vioox?

Rofecoxib ( VIOXX ) : 120.000 vittime

Il 30 settembre 2004 la Merck ha ritirato il Vioxx dal mercato. Quel giorno, su Fox News, il presidente della Fondazione per l’Artrite degli Stati Uniti , si rammaricava all’idea della perdita che i pazienti avrebbero subito con il ritiro del farmaco.


Beh, doveva per forza di cose essere così : il Vioxx era inserito nella lista dei farmaci “salva vita”.
In più, poco prima di essere ritirato, 9 su 10 consulenti della FDA avevano suggerito di non toglierlo dal mercato.
Il direttore della Merck svedese arrivò a dire che non nessun studio clinico condotto prima del 2005 avesse evidenziato un eccesso di rischio cardiovascolare!

Questa è l’altra parte della storia

Già nel 1996 i ricercatori della Merck avevano preso in esame il Vioxx, giungendo alla conclusione che favoriva l’insorgenza di trombosi. [1] Nello specifico, portava ad una diminuzione del 50% dei cataboliti urinari della prostacliclina.[2] Per puro caso, i funzionari della Merck fecero riformulare la scoperta con ” I COX-2 possono giocare un ruolo nel processo di biosintesi della prostaciclina”. Grazie a delle modifiche attuate negli anni 90, con procedure molto “costose”, il VIOXX è stato inserito nella categoria del farmaci “salva vita” [3]
E se vi ostinate a chiedere i dati sulla sicurezza del farmaco, vi risponderanno picche,perchè in questo modo si perderebbero anni prima di immettere sul mercato farmaci che ti salvano! Senza voler essere pignoli poi, quei consulenti avevano dei conflitti di interessi [4] ed il direttore si era dimenticato di aggiungere che la Merck sceglieva bene su chi testare i farmaci, non erano campioni così casuali. Addirittura il rischio trombotico delle cavie scelte dalla Merck era 8 volte inferiore rispetto a delle cavie reclutate dalla Medicaire in Tennessee [5]

La neolingua è solo un artefatto orwelliano e ancora una volta Big Pharma non esiste.

La FDA autorizza l’ingresso in commercio del Vioxx nel maggio del 1999, nonostante in NESSUNO degli studi clinici inviati dalla Merck fosse presente la valutazione del rischio cardiovascolare, riuscendo anche a sottolineare come mancassero certezze sulla possibilità degli eventuali rischi cardiovascolari del farmaco.[6]
Insomma, un po’ come se il vostro medico, prescrivendovi un farmaco, vi dicesse : “Non sono del tutto sicuro che questo farmaco ti possa uccidere, ma prendilo pure”
(Il tanto decantato principio di precauzione NON ESISTE e non viene MAI rispettato, ci tengo a essere chiaro su questo.)
Ma lo scandalo non riguarda soltanto la Merck, che le ha provate tutte per promuovere il Vioxx : pensate
Hanno creato un finta rivista scientifica, l’ Australasian Journal of Bone and Joint Medicine, semplicemente per fare marketing sui loro prodotti! [7]
Hanno preparato opuscoli per i loro informatori dicendo che la mortalità cardiovascolare associata all’uso del Vioxx era equivalente ad 1/8 della mortalità derivante dall’uso di altri FANS! [8]
Hanno commesso gravi scorrettezze di metodo sullo studio VIGOR che avrebbe dovuto dimostrare la sicurezza del farmaco, omettendo delle morti nell’articolo pubblicato dal NEJM! [9]
Hanno affermato che il farmaco fosse “ben tollerato” nei pazienti affetti da Alzheimer, dopo aver violato i protocolli sullo studio per non riempire i fogli di numeri poco piacevoli.[10]

Vogliamo dedicare un pensiero al grande NEJM o alla FDA per l’ottimo lavoro svolto? Diciamo che il fatto di aver pubblicato articoli del genere, parla da solo? E che un incremento di cinque volte dell’incidenza di infarti non sia stato visto come una emergenza pubblica da parte della FDA, ci soddisfa?

Sapete per quali condizioni mediche era suggerito il rofecoxib,oltre l’artrite?
Emicrania, schizofrenia, vari trattamenti chirurgici, Alzheimer, terapie tumorali, endometriosi, dolori mestruali, acne, riduzione dell’arteriosclerosi nei pazienti infartuati con ischemie coronariche (!). Più di 80 milioni di persone, per un lasso di tempo da 2 a 4 anni in media, sono state trattate con il Vioxx : considerate varie ed eventuali,e considerando l’ultimo studio stesso della Merck del 2005 [11] possiamo stimare siano state almeno 120 mila le persone morte a causa della Merck e della FDA.

Ma cosa volete che sia? Fra spese legali e risarcimenti, la Merck ha sborsato più di 2 miliardi di dollari. Ma i soldi non sono certo un problema per un colosso dal fatturato di oltre 6 miliardi l’anno.
Chi ci rimette? Sempre noi.

Grazie a tutti per la lettura, commentate e condividete!

Fonti
[1] http://www.bmj.com/content/329/7477/1253
[2] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1779871/
[3] http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp078041#t=article
[4] http://www.bmj.com/content/343/bmj.d5070
[5] http://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(04)17514-4/abstract
[6] http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp058136#t=article
[7] http://www.the-scientist.com/?articles.view%2FarticleNo%2F27376%2Ftitle%2FMerck-published-fake-journal%2F
[8] http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp058136#t=article
[9] http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp048286#t=article
[10] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22877803
[11] http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa050493#t=article

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.