Pediatria e pedofilia : ma vi sembra possibile una cosa del genere?

Arrestato nel 2014 per un caso, le indagini hanno rivelato che l’uomo avrebbe abusato di più bambini. Per questo motivo un pediatra che lavorava a Milano è imputato con rito abbreviato per pedofilia, violenza sessuale, detenzione di materiale pedopornografico e stalking (tempestava di sms alcune piccole vittime).

L’uomo avrebbe abusato di 11 bambini, tutti minori di 14 anni e uno anche di appena 2 anni, in 10 anni e fino all’anno scorso. L’uomo, iscritto all’Albo dei medici ma anche sedicente psicologo, era stato arrestato dagli agenti del commissariato Lorenteggio e della Squadra mobile.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Pietro Forno e dal pm Cristian Barilli, hanno rivelato altri episodi. Il medico aveva una casa anche in Svizzera, dove sono stati sequestrati una serie di filmati nei quali si vedevano bimbi costretti a subire atti sessuali e “sevizie”. Dalle immagini gli investigatori sono risaliti all’identità delle vittime e il pediatra.

Ma l’uomo, che lavorava in una clinica milanese, faceva il pediatra benché avesse alle spalle un richiamo disciplinare e una condanna definitiva per detenzione di materiale pedopornografico.​

Tra il 2003 e il 2014 avrebbe costretto bambini “in età preadolescenziale”, cresciuti in famiglie problematiche, a subire abusi sessuali nell’ambito, come si legge negli atti, di “rituali asseritamente esclusivi”. Dagli atti si evince che il pediatra avrebbe anche abusato di un “bambino non compiutamente identificato dell’età di circa 1-2 anni”, come risulta da un video sequestrato. Una volta ha passato la notte in hotel con un bambino di 12 anni.

Per anni ha violentato e addirittura seviziato, secondo quanto si legge nel capo di imputazione, almeno undici bambini che frequentavano il suo studio medico.

Una storia terribile, sconcertante, perché il pedofilo è un pediatria che si spacciava per psicoterapeuta e diceva di essere esperto nella cura della dislessia. Così molti genitori si sono fidati di lui, affidati a lui, senza immaginare che cosa accadeva nel suo studio.

L’uomo, Maurizio Maria Lazzari, 55  anni, originario di Busto Arsizio è stato condannato con rito abbreviato a 14 anni di reclusione e 71mila euro di multa.

Nei giorni scorsi sono state rese note le motivazioni della sentenza di giugno e quel che si legge negli atti giudiziari mette i brividi.

L’uomo infatti non solo violentava e seviziava i suoi piccoli pazienti ma fotografa tutto, catalogava ogni immagine. Se i piccoli pazienti interrompevano la terapia li perseguitava via sms, denigrando i loro genitori.

Una storia allucinante. Secondo il giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Gennari, Maurizio Lazzari non era un pedofilo che saltuariamente cedeva alle sue pulsioni ma un medico che aveva strutturato la sua vita professionale per soddisfare il suo innaturale desiderio sessuale e non poteva non sapere quali danni irreversibili stava procurando alle sue vittime.

Sette i capi di imputazione contestati dal pubblico ministero Cristian Barilli: violenza sessuale con l’aggravante delle sevizie e dall’età delle vittime, stalking, corruzione di minorenne, adescamento di minorenni, atti persecutori, produzione e detenzione di materiale pedopornografico, esercizio abusivo della professione di psicoterapeuta. Nel quantificare la pena, il gup ha escluso l’aggravante delle sevizie contestata dal pm, ma ha bollato come «di eccezionale gravità» i fatti contestati.

All’inizio dell’indagine gli inquirenti avevano in mano solo una denuncia per atti persecutori presentata nel marzo 2014 da due genitori allarmati dai messaggi che il medico mandava al figlio undicenne che aveva smesso di frequentare lo studio medico; nei messaggi il pediatra denigrava i genitori e paventava conseguenze gravissime (il suicidio del suo piccolo paziente) se avesse interrotto le terapie.

Le indagini si sono fatte sempre più approfondite ed è emersa la verità: attraverso le foto catalogate dal medico è stato possibile risalire all’identità delle vittime.

L’uomo esercitava sia nel suo studio privato a Milano sia in quello di una clinica, in cui lavorava nonostante una condanna per detenzione di materiale pedopornografico inflitta in primo grado nel 2002 dal tribunale di Monza e poi confermata in appello e in cassazione che per un errore non figurava nel casellario giudiziale.

I familiari di sei bambini si sono costituiti parte civile e Gennari ha riconosciuto provvisionali di anticipo sul risarcimento da stabilire in sede civile che vanno dai 10mila ai 250mila euro. Riconosciuto il risarcimento anche alla clinica ma la cifra dovrà essere quantificata dai giudici civili

Il medico chiama le sue piccole vittime con nomignoli quali ‘cioccolatino magico’, ‘folletto’, ‘cherubino’, poi “denigrava” i loro genitori e induceva i bimbi a compiere atti sessuali chiedendo loro di “mantenere il ‘loro segreto’. Raccontava loro del suicidio di alcuni suoi pazienti che avevano interrotto le su “terapie”.

Questa notizia arriva da MilanoToday, e cercando sulla rete non è (incredibilmente) il primo caso di pedofilia fra pediatri milanesi : qualche anno fa anche il primario del reparto di Pediatria dell’ospedale di Legnano è stato indagato per pedofilia, il quale, accusato di atti sessuali con minorenni ed agli arresti domiciliari, si è suicidato nel 2016.
Pensate, era anche professore di Allergologia pediatrica al San Raffaele di Milano.

Nessun commento

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *