Disobbedienza civile come unica scelta : il buon esempio del Cannabis Cura Sicilia Social Club

La disobbedienza civile è una forma di lotta politica, attuata da un singolo individuo o più spesso da un gruppo di persone, che comporta la consapevole violazione di una precisa norma di legge, considerata particolarmente ingiusta, violazione che però si svolge pubblicamente, per mostrare a tutti cosa significhi.

Una storia, quella di Alessandro, che inizia tanti anni fa. Ma non è una storia speciale, l’eccezione che conferma la regola : Alessandro è uno dei tanti che ha dovuto soffrire a causa di diagnosi non precise, di farmaci che non funzionavano, di una resistenza da parte del mondo medico ad una terapia che invece gli ha cambiato la vita.

“Molte volte ripenso a quegli anni in cui la mia vita era in mano a quei medici che pensavano a fare cassa sulla mia pelle, penso a quante bugie mi hanno detto e quanti farmaci immunosoppressori ho preso, che mi hanno regalato un cancro. Quando ho lasciato il protocollo per provare la cannabis, ho provato qualcosa che non sentivo da tantissimo tempo. La dottoressa mi dice di lasciar perdere e seguire il protocollo.
Noi siamo persone, non siamo protocolli. Grazie alla cannabis ho abbassato il mio coefficente di spasticità da 2.0 a 0. Ho deciso di autoprodurre la cannabis perchè costa troppo in farmacia.”

Quante volte avete letto parole del genere? Medici che se ne fregano, che considerano le persone come dei numeri, e che per l’ignoranza viene oscurata una terapia che fa bene, ricordiamolo.
Forse è bastato solo questo : che riprendesse il controllo sul suo corpo e sulla sua vita, ed insieme a Florinda costruire un progetto unico nel suo genere, un cannabis social club in Sicilia. Seguito poi da Encod, l’associazione delle associazioni dei social club, con sede in Austria.
Un travaglio il suo iniziato 14 anni fa con la diagnosi di sclerosi multipla, e che dal 2013, grazie alla cannabis, sembra che le cose siano migliorate.

Qui vi mostro un video di cosa comporta la mancanza di terapia ad Alessandro : ma il dramma è che la storia di Alessandro è ripetuta, non ha nome, sono centinaia e probabilmente anzi migliaia le persone che potrebbero stare meglio semplicemente grazie ad una pianta.

 

“Devo ringraziare la Cannabis, perchè lo Stato mi ha lasciato solo”

Non credo ci sia bisogno di aggiungere altro. Come per la storia di Larry, basta un semplice utilizzo per migliorare le proprie condizioni motorie.
Adesso che sembra il mondo svegliarsi sulle potenzialità della pianta, dopo averla ostracizzata per 80 anni, qui preferiamo restare indietro.
Abbiamo raccontato tempo fa la storia di una figlia che ha dovuto smuovere mari e monti per ricevere della cannabis terapeutica a casa.

A proposito, il 30 Novembre a Siracusa, si terrà questo convegno organizzato proprio da Alessandro e Florinda : “Cannabis Terapeutica : quando la legge genera il problema.”

Una conferenza in cui verranno trattate le principali problematiche legate alla pianta, ed anche si parlerà di casi clinici che grazie alla cannabis hanno avuto enorme giovamento.

Si, ci siamo anche noi come vedete dalla locandina! Conosciamo personalmente Alessandro e Florinda, e seguiamo il loro progetto dalle origini e siamo sulla stessa linea d’onda sull’argomento.
Chi si troverà in Sicilia, consigliamo di andare a darci un’occhiata!

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.