Senza vaccino, niente eventi su Ticketmaster : l’inizio della fine?

Come cambierà il mondo a causa del vaccino della Pfizer?

Senza vaccino, niente eventi.

 

Affinché gli eventi dal vivo ritornino, la tecnologia e la scienza giocheranno un ruolo enorme nello stabilire protocolli integrati in modo che i fan, gli artisti e i dipendenti si sentano sicuri nel tornare nei locali. L’integrazione delle piattaforme di biglietteria con i risultati dei test verificati degli ospiti è un modo fondamentale per immaginare come faremo a far tornare i fan agli eventi dal vivo. L’esperienza di partecipare ad eventi dal vivo avrà un aspetto completamente diverso, ma l’innovazione, unita a un’implementazione coerente, fornirà un quadro di riferimento per far tornare al lavoro l’industria degli eventi e dello sport “.

Marianne Herman, co-fondatrice di  reBUILD20, agenzia che si concentra nell’aiutare le aziende di intrattenimento e di eventi a sviluppare le strategie  COVID-19

Come procederanno alla identificazione?

Partiamo dicendo che Ticketmaster è l’agenzia che vende la maggior parte dei biglietti per gli eventi dal vivo negli Stati Uniti , che siano sportivi o dello spettacolo. Concerti, spettacoli, conferenze, musei, teatri, sport.
Per forza di cose, la sua scelta influenzerà il mercato. Al momento, il primo modo è il ticketing digitale che è legato all’identità di un fan, elimina i biglietti cartacei e può essere limitato dal trasferimento o dalla rivendita. Ticketmaster ha anche in programma di implementare il suo nuovo sistema SmartEvent, che aiuta gli organizzatori di eventi e i fan a gestire l’allontanamento sociale, l’ingresso ritardato e a fornire possibili opportunità di rintracciare i contatti. Molti dei parametri di sicurezza saranno stabiliti dai funzionari sanitari regionali e dagli organizzatori di eventi. Gli organizzatori di eventi avranno anche la possibilità di impostare i propri protocolli di prevenzione, come l’igiene, la conformità delle maschere e l’allontanamento sociale. Ticketmaster non memorizzerebbe o avrebbe accesso alle cartelle cliniche dei fan e riceverebbe solo la verifica se un tifoso è autorizzato a partecipare a un evento in una determinata data. Stati diversi avranno requisiti diversi. Il ruolo principale di aziende come le compagnie di pass sanitari sarà quello di raccogliere dati da fornitori di test e medici e di fornire aggiornamenti di stato alle aziende partner in modo sicuro e criptato, in conformità con la legge sulla portabilità e la responsabilità dell’assicurazione sanitaria (HIPAA).

Ecco come funzionerà : Dopo aver acquistato un biglietto per un concerto, i fan dovrebbero essere già stati vaccinati (il che garantirebbe circa un anno di protezione COVID-19 – scritto così su Billboard, anche se non è assolutamente vero eh-).

L’alternativa? Il tampone da fare 24-72 ore prima di un evento.

Il problema? Chi paga i tamponi per un evento privato? A quanti eventi ogni persona partecipa ogni anno? Quale sarà la scelta più facile? Un vaccino magari con due dosi, o ogni volta che partecipi ad un evento fare un tampone? Potresti anche dover fare il test il giorno dell’evento, e se lavori e non hai tempo per organizzarti? Fin troppi interrogativi

Come sempre, viviamo in un sistema che offre finte scelte.
Una volta fatto il test, il laboratorio consegna i risultati al proprio provider di servizi sanitari, come CLEAR o IBM. Se i test erano negativi, o se il fan è stato vaccinato, la compagnia del pass sanitario verificava lo stato COVID-19 del partecipante al Ticketmaster, che poi rilasciava al fan le credenziali necessarie per accedere all’evento. Se un fan risultasse positivo, non vaccinato, o non facesse un test per verificare il suo stato, non potrà accedere all’evento.

“Ancora l’FDA non ha autorizzato alcuna compagnia ad offrire servizi che possano verificare in digitale lo status vaccinale dei fan, ma penso che la domanda di servizi del genere, per viaggiare sull’aereo, verificare gli impiegati al lavoro, entrare nei parchi giochi, aumenterà e porterà molti imprenditori ad investire in questo settore. Stiamo già vedendo molti fornitori di assistenza sanitaria di terze parti che si preparano a gestire il controllo – che si tratti di ottenere un vaccino, di fare un test o altri metodi di revisione e approvazione – che potrebbero poi essere collegati tramite un biglietto digitale in modo che tutti coloro che entrano all’evento siano verificati.”

Mark Yovich, Ceo di Ticketmaster

Avevamo paventato questa possibilità per mesi, parlando ad esempio del passaporto vaccinale o delle possibili conseguenze del Coronavirus sulla popolazione. Sembra proprio che Ticketmaster faccia sul serio, ricordiamo che è l’azienda leader in vendita di biglietti per eventi negli Stati Uniti. E come il CEO ha ricordato, ci saranno tanti investitori interessati a sviluppare app che possano monitorare live lo status vaccinale del fan, cosa che potrebbe poi essere usata sull’aereo, per gli impiegati, per i parchi.

Insomma, è probabile che non venga direttamente messo obbligatorio, ma attraverso questi stratagemmi, obbligheranno le persone a vaccinarsi.

Le persone, almeno credo, non vogliono la vaccinazione : vogliono qualcosa che permetta loro di tornare alle vita preCovid.
Fosse stata brevettata una mutanda benedetta, questa sarebbe andata bene lo stesso.
Perché dietro alla vaccinazione c’è una motivazione quasi religiosa : è l’amuleto che ti permette di vivere, e la Scienza si è sostituita alla religione, niente di più e niente di meno.
Ma anche queste saranno parole al vento

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *