Cosa vuol dire ASIA?

La sindrome autoimmune / infiammatoria indotta da coadiuvanti (ASIA) è stata ampiamente descritta in molti studi condotti finora. La sindrome comprende cinque condizioni immuno-mediate, tutte associate con precedente esposizione a vari agenti come i vaccini o le protesi al silicone. L’emergere della sindrome ASIA è associato ad una predisposizione genetica individuale, per esempio quelli che trasportano HLA-DRB1 * 01 o HLA-DRB4 e risultati da esposizione a fattori esterni o endogeni scatenanti autoimmunità. Tali fattori sono stati dimostrati in grado di indurre malattie auto immuni in entrambi i modelli animali e gli esseri umani attraverso una varietà di meccanismi proposti. Negli ultimi anni, i medici sono diventati più consapevoli dell’esistenza della sindrome di ASIA e la relazione tra esposizione ai coadiuvanti e malattie autoimmuni conseguenti è sempre più segnalata. ( davvero? Io ne conosco davvero pochi che ne hanno sentito parlare)

Cosa sono gli adiuvanti?
Gli adiuvanti sono sostanze che sono in grado di innescare una risposta immunitaria attraverso una varietà di meccanismi, come l’alterazione del sistema immunitario dell’ospite, l’attivazione policlonale delle cellule B, effetti sulla immunità cellulare, cellule immunomodulanti, anticorpi virali indotta, e l’accelerazione di mimetismo molecolare. L’esposizione ad adiuvanti può verificarsi in una varietà di metodi per la loro vasta gamma di usi nei vaccini, oli minerali, protesi al silicone, e molti altri prodotti e dispositivi. L’associazione tra l’esposizione adiuvante e autoimmunità si manifesta in cinque condizioni autoimmuni che condividono manifestazioni cliniche di autoimmunità simili, come ad esempio i fenomeni dalla vaccinazione, la sindrome macrofagica miofascite (MMF), la sindrome della guerra del Golfo (GWS), siliconosis, e gli ammalati da sindrome dell’edificio (SBS).
La sindrome autoimmune / infiammatoria indotta da coadiuvanti presentata da Shoenfeld e Agmon-Levin nel 2011, è una singola entità che incorpora tutte le cinque condizioni. La vasta ricerca ha permesso di identificare il background genetico, contribuendo allo sviluppo della sindrome ASIA in individui predisposti a seguito di esposizione adiuvante. Un gran numero di malattie autoimmuni condividono diversi alleli HLA di classe II come DRB1 locus. Lo sviluppo di autoanticorpi specifici è determinato da alleli DRB1 che portano a una risposta anormale e sviluppo di malattie autoimmuni conclamata.

Quando usati nei vaccini, i coadiuvanti sono volutamente utilizzati come agenti essenziali che migliorano la risposta immunitaria. Tuttavia, essi potrebbero anche innescare reazioni autoimmuni indesiderate che interrogano sulll’impiego di coadiuvanti e la loro sicurezza nel contesto di chi presenta DRB1 nel background genetico.

Una revisione sistematica di Jara et al. ha riportato che 4479 casi di ASIA sono stati identificati sin dalla sua presentazione nel 2011. Tra questi, 305 sono stati considerati gravi, con la maggior parte di questi casi in fase di sviluppo a seguito di vaccinazione : HPV, HBV, e l’influenza stagionale. Nonostante siano sicuri ed efficaci, l’ idrossido di alluminio è stato utilizzato in questi vaccini insieme agli antigeni virali come adiuvante. Grazie alla capacità dell’ alluminio nel migliorare la risposta immunitaria, consente l’utilizzo di piccole quantità di antigeni. Tuttavia, una maggiore immunogenicità potrebbe portare a una maggiore reattogenicità in un processo non sempre benigno che coinvolge la stimolazione patologica.

E c’è ancora chi sostiene con forza che l’HPV sia sicuro : forse sarebbe meglio diffidare da chi non riesce ad avere nemmeno un piccolo dubbio su una vaccinazione che sarà presto condivisa in Italia anche dagli adolescenti maschi.

Per leggere l’intero articolo correlato da fonti :
http://journal.frontiersin.org/article/10.3389/fendo.2016.00150/full

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/28059022/?i=2&from=%2F28167927%2Frelated

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *