Il volto mutevole della vaccinologia

I rischi dei vaccini di seconda generazione:

nell’ultima parte del XX secolo, gli scienziati che lavorano ai vaccini hanno iniziato a muoversi oltre la semplice attenuazione o inattivazione dei patogeni, verso una maggiore manipolazione di geni e antigeni nonché strategie più complesse per attivare e sostenere l’immunità.

Le categorie un po’ sovrapposte di subunità, ricombinanti, polisaccaridi e vaccini coniugati si riferiscono tutte a vaccini che utilizzano componenti specifiche di un agente patogeno, come gli antigeni, piuttosto che il patogeno nella sua interezza.

I vaccini a subunità cercano di azzerare e isolare “qualsiasi parte specifica del patogeno che è stata dimostrata atta a stimolare una risposta immunitaria protettiva”.

La produzione di vaccini a subunità può comportare la rottura di un microbo con sostanze chimiche per raccogliere gli antigeni di interesse o utilizzando la tecnologia del DNA ricombinante (splicing -montaggio- genetico).

Esempi di questi ultimi sono i vaccini ricombinanti dell’epatite B e del papillomavirus umano (HPV).

Il vaccino contro l’epatite B, il primo vaccino sintetico utilizzato, viene realizzato inserendo geni selezionati per l’epatite B nel lievito di birra comune (chiamato “sistema di espressione”) e quindi usando il lievito per produrre antigeni vaccinali (oltre ai lieviti, gli attuali vaccini ricombinanti si basano su batteri, cellule di mammiferi o cellule d’insetto come sistemi di espressione).

I vaccini a base di lieviti sono stati associati a un aumento dell’autoimmunità a causa della somiglianza tra un componente del lievito e le glicoproteine ​​umane.

Inoltre, poiché i vaccini a subunità forniscono “nessuna garanzia che la memoria immunologica si formi nel modo corretto”, richiedono “l’uso di potenti adiuvanti”.

Il vaccino Gardasil-9 (per HPV) contiene più del doppio della quantità di adiuvante di alluminio del Gardasil.

Si ritiene che i vaccini vivi ricombinanti siano “più sicuri dei vaccini vivi fatti senza la tecnologia ricombinante e più efficaci dei vaccini “uccisi”, ma nelle Filippine recentemente sono sorti dubbi su questa affermazione.

Infatti il paese ha sospeso l’introduzione del primo vaccino approvato per la dengue al mondo (Dengvaxia) dopo che è emerso che il vaccino ricombinante vivo con quattro ceppi aveva provocato morti e peggiori esiti della malattia.

“… ma i rapporti relativi all’Hib al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) indicano che quasi un quinto delle reazioni avverse sono gravi…”.

I batteri patogeni che hanno un rivestimento esterno di molecole di zucchero chiamati polisaccaridi possono ingannare il sistema immunitario e migliorare la capacità dei batteri di causare malattie.

Negli ultimi tre o quattro decenni, due tipi di vaccini hanno preso di mira quei batteri: i vecchi vaccini polisaccaridici non coniugati e i vaccini polisaccaridi coniugati a una proteina di trasporto, che attaccano chimicamente gli antigeni del mantello batterico.

Il vaccino Haemophilus influenzae tipo b (Hib) è stato il primo vaccino coniugato ad essere autorizzato e aggiunto al programma vaccinale degli Stati Uniti, insieme ai successivi vaccini pneumococcici e meningococcici coniugati.

Gli esperti di vaccini promuovono i vaccini coniugati come sicuri ed efficaci, ma rapporti relativi all’Hib, nel Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) -sistema di segnalazione passiva che cattura una piccola percentuale di reazioni avverse reali-, indicano che quasi un quinto (17%) delle reazioni avverse è grave, compresa la morte improvvisa del neonato e condizioni neurologiche e gastrointestinali.

Più rischi all’orizzonte:

dato che i vaccini sono una delle linee di prodotto più redditizie dell’industria farmaceutica, poiché senza responsabilità sul prodotto e con una crescita dell’84% delle entrate globali previste per il periodo 2014-2020, ne sono previste altri.

Molte tecnologie emergenti sembrano destinate a chiudere le scappatoie e ad espandere i mercati dei vaccini.

Questi includono lo sviluppo di:

– Vaccini coniugati completamente sintetici per condizioni non infettive

– Vaccini ricombinanti che utilizzano l’agricoltura molecolare basata sul tabacco

– Nuovi sistemi di somministrazione di vaccini per “controllare la presentazione spaziale e temporale degli antigeni al sistema immunitario portando così al loro rilascio e targeting sostenuti” -inclusi sistemi micro e nanoparticellari come “particelle polimeriche, liposomi, particelle simili a virus, virosomi , complessi immunostimolanti (ISCOM), emulsioni e nano bave inorganiche”

– Sistemi di adiuvanti per potenziare l’immunogenicità, incluso squalene, nanoemulsioni, mucose, tra cui mucose con DNA, utilizzando vettori batterici dal vivo.

“… FDA: “la tecnologia utilizzata per produrre questi vaccini supera effettivamente la scienza e la tecnologia, per capire come funzionano questi vaccini e per prevedere come funzioneranno“.

Alcuni scienziati stanno ora esaltando i potenziali benefici dei vaccini ricombinanti, per un’erogazione efficiente del vaccino.

Una volta introdotto nella popolazione ospitante, questo tipo di vaccino si “diffonderà autonomamente e sufficientemente per eliminare un agente patogeno esistente o prevenire future infezione da un agente patogeno non ancora presente.

Per dirlo in altro modo:

per ogni individuo immunizzato direttamente, gli individui aggiuntivi verranno immunizzati indirettamente, ossia non sarà richiesto il consenso ❌.

Gli attuali scienziati che celebrano attivamente un nuovo coraggioso sviluppo di vaccini “razionali” e “diretti” farebbero bene a tenere conto delle osservazioni fatte da un funzionario della Food and Drug Administration (FDA) presso il Center for Biologics Evaluation & Research (CBER) quasi 20 anni fa.

In un forum sulle vaccinazioni del 1999, il direttore della divisione dei prodotti virali di CBER descrisse gravi sfide alla sicurezza che stavano emergendo in tandem con le nuove tecnologie vaccinali e ammise francamente che “la tecnologia utilizzata per produrre questi vaccini supera effettivamente la scienza e la tecnologia per capire come questi funzionino e per prevedere come funzioneranno”.

Questa sorprendente affermazione suggerisce che ora più che mai le dichiarazioni sulla sicurezza dei vaccini devono essere valutate con rigore e attenzione.

[Nella seconda parte, World Mercury Project esaminerà come le tecnologie dei vaccini superino la capacità degli scienziati di valutare la sicurezza degli stessi].

Grazie a Manuela Prascevic per la traduzione

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *