Il Dr. Shoenfeld e i vaccini

Il professor Yehuda Shoenfeld è il fondatore e capo del Centro Zabludowicz  per le malattie autoimmuni dello Sheba Medical Center, che è affiliato alla Facoltà di Medicina Sackler di Tel-Aviv, Israele. E’ anche l’operatore storico del Laura Schwarz-Kipp Chair per la ricerca delle malattie autoimmuni a Tel-Aviv. I suoi lavori clinici e scientifici si concentrano sulle malattie autoimmuni e reumatiche, ed ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui un ” Life Contribution Prize” in Medicina Interna in Israele 2012.

Negli ultimi anni, il professor Shoenfeld ha notato che quattro condizioni: siliconosi, la sindrome della Guerra del Golfo (GWS), miofascite macrofagica (MMF) e dei fenomeni post-vaccinazione, sono stati collegati con una precedente esposizione ad un adiuvante, e che i pazienti si presentavano anche con sintomi clinici simili. Nel 2011, questo ha portato il professor Shoenfeld a suggerire che queste condizioni comparabili dovessero essere raggruppate in una sindrome comune ‘ASIA’, che sta  per  Sindrome Autoimmune/Infiammatoria Indotta da Adiuvanti.
In questo D & R si parla al professor Shoenfeld su ASIA, e discutiamo le sue raccomandazioni per quanto riguarda ulteriori ricerche in questo campo.

Cosa vuol dire ASIA, Dott Shoenfeld?

Asia è una nuova sindrome, che si riferisce a sindromi autoimmuni indotte da adiuvanti. Comprende una serie di condizioni che non  rispecchiano pienamente le caratteristiche di malattie autoimmuni come il lupus sistemico, artrite reumatoide o sclerodermia, ma che sono indotte dalla stimolazione cronica del sistema immunitario da sostanze che possono portare una reazione come gli adiuvanti. Questa stimolazione cronica porta alla nascita di questi nuovi segni e sintomi, che comprendono l’affaticamento, artrite, mialgia e manifestazioni neurologiche.

Quali adiuvanti comunemente utilizzati nella pratica medica sono stati associati con l’ASIA?

L’idea di ASIA come una nuova sindrome è nata dopo alcuni studi sulla sindrome della Guerra del Golfo, perché i soldati che non erano stati dispiegati per l’area del Golfo erano affetti da sintomi quali grave affaticamento, deterioramento cognitivo, mialgie ed artralgie. Questo ha sollevato la questione se fossero i vaccini somministrati ai soldati che hanno indotto queste sindromi. Gli adiuvanti più comuni sono le protesi al silicone e l’ alluminio nei vaccini.

Esistono altri adiuvanti associati con l’Asia?

Ci sono alcuni adiuvanti specifici che hanno dimostrato di indurre ASIA; per esempio,l’ alluminio. L’alluminio è il più vecchio, il più economico e più efficiente adiuvante finora, è per questo che è ancora comunemente usato per lo sviluppo di vaccini.
Nel 2001, Romain Gherardi e colleghi hanno riportato che i pazienti con diagnosi di miofascite macrofagica, o MMF (una malattia muscolare rara caratterizzata da specifiche alterazioni miopatologiche) erano stati precedentemente vaccinati con vaccini per l’epatite contenenti idrossido di alluminio. Questi pazienti hanno continuato a sviluppare una grave mialgia con manifestazioni neurologiche, deficit cognitivo, vertigini, incapacità di concentrarsi e poco sonno. Dopo molti studi, Romain Gherardi e colleghi sono stati in grado di dimostrare che l’alluminio si deposita nel muscolo, e poi attraverso i macrofagi viaggia dai muscoli ai diversi organi e penetra la barriera emato-encefalica. Su questa base, MMF è parte della sindrome ASIA.
Un’altra condizione definita la ‘sindrome dell’edificio malato’ (SBS) porta a sintomi clinici simili alla sindrome della Guerra del Golfo, e si manifesta in persone che vivono in una stanza o in un edificio specifico. Tuttavia, una volta che si spostano in un’altra stanza o in un altro edificio, hanno completamente recuperato. Si ritiene che, in quella stanza, c’è qualche sostanza che risponde o si comporta come adiuvante. Ho già detto che l’alluminio è utilizzato come adiuvante nei vaccini, ma essendo uno dei materiali più comuni nel mondo, i suoi usi sono ancora più diffusi, ad esempio gran parte delle attrezzature che utilizziamo nella nostra vita quotidiana è in alluminio.

Considerando che l’uso di vaccini o di  protesi al silicone  è molto diffuso, cosa significa questo in termini di salute pubblica?

Prima di tutto, i vaccini sono molto diffusi, e vorrei chiarire che io non sono assolutamente contro i vaccini! I vaccini sono il miglior sviluppo medico che l’umanità ha avuto negli ultimi 300 anni, e hanno contribuito a portare all’eradicazione quasi completa di alcune malattie virali. Tuttavia, va considerato che quando si da a milioni di persone un principio attivo, ed i vaccini contengono principio attivo,  alcuni possono soffrire di eventi avversi. Dopo tutto, i vaccini contengono particelle virali o sintetiche emulsionate in adiuvante, che dovrebbe migliorare la reazione immunitaria.
Quindi, dobbiamo identificare le persone che sono a rischio di soffrire degli effetti collaterali causati dalla stimolazione cronica del loro sistema immunitario. Prima di tutto dobbiamo diagnosticarglielo,  per fare il trattamento, e alcuni di loro dovrebbero essere indennizzati, perché i vaccini sono spesso imposti sia da parte dello Stato che dal datore di lavoro.
Con rispetto sulle protesi al silicone, che è un’operazione estetica molto comune, ci sono state rivendicazioni per cui il silicone è completamente inerte, che non si perde e che non viaggia attraverso il corpo, che non induce granulomi, ecc, ma questo è fuorviante. Ci sono stati recenti casi di rottura di protesi al silicone , ma anche con impianti non rotti, in cui ci sono nanoparticelle di silicone che possono viaggiare attraverso il corpo. Pertanto il silicone può essere trovato in diverse parti, come le mani, il torace e all’inguine. Anche se le protesi al silicone sono abbastanza comuni, per fortuna la sindrome è abbastanza rara . Allo stesso modo, le malattie autoimmuni, che sono sicuramente indotte da infezioni, non sono comuni come le infezioni stesse. Questo perché una specifica interazione tra l’agente infettivo e le componenti genetiche è legata alla incidenza di malattie autoimmuni. Per quanto riguarda la sindrome  ASIA, la prevalenza è maggiore nei soggetti che possiedono il gene HLA-DRB1. Va notato che questa è la stessa HLA (antigene leucocitario umano) che è risultato essere presente in coloro che avevano sviluppato una malattia autoimmune dopo la somministrazione del vaccino! Così, forse in futuro con ulteriori progressi della medicina personalizzata, saremo in grado di schermare i soggetti a rischio in base alla loro composizione genetica, e quindi di evitare l’insorgenza di malattie autoimmuni, evitando la somministrazione di vaccini contenenti adiuvanti che sono noti per essere associati con la sindrome di ASIA. Sicuramente l’ adiuvante può essere sostituito con uno che non potrebbe essere associato alla sindrome ASIA. Vorrei sottolineare che attualmente ci sono nuovi adiuvanti in fase di sviluppo che devono essere testati per efficacia, e ci auguriamo che questi potrebbero avere meno effetti collaterali rispetto alluminio e altri adiuvanti .

Quali sono gli attuali criteri utilizzati per la diagnosi di ASIA?

Abbiamo pubblicato i criteri e classificati come facciamo di solito con le malattie autoimmuni, in particolare in criteri maggiori e i criteri minori. Criteri maggiori includono manifestazioni cliniche quali grave affaticamento, poco sonno, mialgia ed artralgia; i criteri minori comprendono la presenza di diversi autoanticorpi e HLA specifici (ad esempio, DRB1). Tuttavia, come ho detto prima, nel corso degli anni molti di questi pazienti possono andare avanti e sviluppare una malattia autoimmune ben più definita. Per esempio, se si sviluppano sclerodermia o sclerosi sistemica, essi soffrono di pelle secca, complicazioni polmonari e renali, e così via.

Sono stati stabiliti i meccanismi attraverso cui queste sostanze possono determinare tali conseguenze?

In parte il meccanismo riguarda la cronica stimolazione del sistema immunitario, che può quindi portare al rilascio di citochine infiammatorie comprese interferone γ, interferone α , interleuchina (iL) -1, iL-6, fattore di necrosi tumorale α (TNF) e così via. Quindi, in parte, questa sindrome può essere indotta da questa cascata di citochine rilasciate in risposta alla stimolazione. Queste stimolazioni croniche possono anche comportare l’apertura della barriera emato-encefalica, e quindi la penetrazione di sostanze diverse nel cervello. Ad esempio, uno dei meccanismi che è stato ben definito è che i depositi di alluminio nel corpo dopo l’iniezione di vaccino, o dopo esposizione ad altre fonti di alluminio..queste particelle possono attraversare la barriera emato-encefalica tramite macrofagi e depositarsi nel cervello. In passato, noi medici abbiamo testimoniato questa neurotossicità dell’ alluminio  nei casi in cui il paziente ad esempio ha fatto la dialisi. Il fluido dializzato conteneva alluminio, ed effettivamente si diffondeva nel cervello attraverso la barriera emato-encefalica portando ad intossicazione da alluminio. In alcuni casi, il paziente ha presentato sintomi compatibili con l’ ASIA. Inoltre, la stimolazione cronica induce anche diversi autoanticorpi. Sebbene gli autoanticorpi non indicano necessariamente una malattia autoimmune specifica, potrebbe essere una combinazione di anticorpi anti-DNA che è più tipica del  lupus eritematoso sistemico (SLE), ma anche anticorpi anti-mitocondriali che possono indicare la cirrosi biliare primaria. Come ho detto prima, le malattie del tessuto connettivo non definite (UCTD) nel corso degli anni possono sviluppare una specifica malattia autoimmune. Pertanto crediamo anche che la maggior parte dei casi di UCTD sono in realtà parte dell’ASIA.

C’è qualche prova che suggerisce che i fattori ambientali o genetici possano portare a un più alto rischio di sviluppare ASIA?

L’attuale prevalenza dei fattori ambientali, oltre alle protesi al silicone e agli adiuvanti nel vaccino, non è ancora nota. Ma in base alla mia esperienza e dalla lettura della letteratura, posso supporre che l’alluminio ed altri materiali diversi utilizzati nella vita quotidiana possono essere associati. Per esempio, nel 1980 un significativo aumento dei casi di lupus è stato osservato in una città ex industriale negli Stati Uniti: East Ferry Street a Buffalo, New York. A seguito di indagini è stato accertato che l’area è stata pesantemente contaminata da materiali tossici (tra cui il piombo, policlorobifenili, tricloroethetilenico e composti organici volatili) .Così, guardando questa situazione da un contesto più ampio, direi che si può considerare che i materiali tossici possono agire come i coadiuvanti, possono essere alla base di quello che noi chiamiamo malattia idiopatica.

Cosa si sa circa la prevalenza di ASIA, in particolare in termini di distribuzione geografica?

Non vi è alcuna conoscenza di distribuzione geografica. Sappiamo che molte delle malattie autoimmuni sono più frequenti nelle popolazioni che vivono più lontano dall’equatore. Si ritiene che l’esposizione limitata al sole, e quindi la mancanza di produzione di vitamina D, può essere associata con ASIA. Sappiamo che la vitamina D è associata a molte malattie autoimmuni. Per esempio, in uno studio abbiamo analizzato più di 40 diverse malattie autoimmuni, ed abbiamo trovato che le pazienti avevano livelli significativamente più bassi di vitamina D rispetto alla popolazione sana all’interno delle stesse area. Non ci sono grandi studi epidemiologici finora che sono stati in grado di analizzare la distribuzione geografica. Tuttavia, credo che alla fine troveremo una correlazione tra la sindrome di ASIA e la distribuzione geografica. Uno studio dalla Finlandia ha registrato un forte aumento dei casi di narcolessia, che è ora riconosciuta come una condizione autoimmune. I ricercatori hanno correlato tale aumento di incidenza di narcolessia con i vaccini che sono stati somministrati durante l’epidemia di H1N1 (influenza suina) in quella regione. Vorrei sottolineare che questa malattia è riconosciuta in Finlandia ed è strettamente associata alla (HLA) DQB1 * 0602 genotipo. Quando il vaccino è stato consegnato durante l’epidemia di H1N1, c’è stato un aumento di 13 volte della narcolessia in questa area geografica. Quindi la distribuzione geografica in questo caso non è stata collegata alla sostanza, ma piuttosto per il genotipo delle persone che vivono nella zona, il che li ha resi più sensibili allo sviluppo di narcolessia.

Quale pensi che siano le direzioni future della ricerca in questo campo ?

Si dovrebbero cercare di comprendere i meccanismi alla base di ASIA e di sviluppare adiuvanti migliori, soprattutto nei vaccini. Dopo tutto, molte persone sono vaccinate regolarmente, e dovremmo ridurre al minimo qualsiasi effetto collaterale. Dovremmo  imparare dallo studio delle ASIA per meglio comprendere l’eziologia di altre malattie autoimmuni che sono attualmente considerate come ‘idiopatiche’ (il che significa che siamo idioti perchè NON conosciamo la patogenesi e l’eziologia!). Vorrei non vedere in futuro la frase ‘malattie autoimmuni hanno una eziologia sconosciuta’, perché ci stiamo avvicinando ad una migliore comprensione in questo. Io sono ancora preoccupato per le protesi al silicone; se raccomandare se questi devono essere espiantati o no, in quanto non vi è alcuna garanzia di pieno recupero dalla sindrome ASIA se le protesi al silicone vengono espiantate. Se no, allora il paziente viene lasciato senza gli impianti e continua a soffrire di ASIA. Detto questo però, ci sono alcuni casi in cui l’espianto ha portato ad un completo recupero del paziente dalla sindrome ASIA. Ciò richiede ulteriori approfondimenti. Un sacco di ricerca è in corso in tutto il mondo, e spero che in futuro saremo in grado di identificare meglio coloro che sono a rischio di sviluppare questa sindrome, per evitare che la contraggano.

Qual è il tuo consiglio per i medici per la gestione e il trattamento dei pazienti affetti da malattie autoimmuni?Dovrebbero essere sottoposti a screening di routine per l’ASIA?

Poiché non vi sono marcatori per l’ASIA, non possiamo selezionarli per questo. Il mio consiglio per il clinico è quello di prestare maggiore attenzione alla storia del paziente, in particolare per quanto riguarda la loro storia vaccinale. In futuro, vorrei per i medici di essere in grado di diagnosticare il paziente nella fase iniziale, e in aggiunta che li possano aiutare a titolo di indennizzo, se necessario; Dopo tutto, questi pazienti soffrono. Erano completamente sani fino a che non sono stati vaccinati e poi improvvisamente hanno sviluppato la malattia. Una migliore comprensione dei sintomi e lo sviluppo di marcatori sierologici può aiutare ad identificare i fattori di rischio come HLA e lo sfondo autoimmune familiare in una fase molto precoce. La terapia per l’ASIA dovrebbe essere lo stessa delle malattie autoimmuni, e fino a quando non saremo in grado di capire meglio, forse i medici dovrebbero prendere in considerazione il passaggio ad altri farmaci che non sono stati associati con l’ASIA, piuttosto che continuare a utilizzare i farmaci che sono associati con questa sindrome.

Fonte : http://bmcmedicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/1741-7015-11-118

Commenta

Sharing is caring!

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *