Usiamo bambini come cavie, perchè le scimmie sono “morte rapidamente”.

Gli scienziati della Oxford University hanno somministrato un vaccino per la tubercolosi a bambini mentendo ai genitori (vaccino che non ha funzionato nelle scimmie)

L’Università di Oxford è impegnata in una controversia etica dopo che gli scienziati sono stati accusati di una condotta discutibile su un processo controverso di un nuovo vaccino sperimentato sui bambini africani. 

Il professor Peter Beverley, ex ricercatore senior dell’università, si lamenta che gli scienziati avessero previsto di testare un nuovo vaccino sulla tubercolosi su più di un migliaio di neonati senza condividere quei dati che suggerivano che le scimmie una volta data l’immunizzazione sembravano “morire rapidamente“. 

Certamente qui in questo esperimento non c’era alcuna prova che questo fosse un vaccino efficace “, ha dichiarato Prof. Beverley. 

Ha sostenuto che le informazioni non sono state fornite ai regolatori quando è stata presentata inizialmente una domanda di prova per i test. 

Nello studio fatto sulla scimmia, cinque su sei degli animali infetti da TB che hanno ricevuto il vaccino sperimentale erano diventati “molto cattivi” e dovevano essere abbattuti. 

Un foglio informativo dato alle famiglie in Sudafrica che partecipano alla prova ha detto che il vaccino era stato testato sugli animali e sugli esseri umani ed era “sicuro ed efficace” negli animali.(Poi uno dice che non si deve incazzare? Che le case farmaceutiche sono oneste?)


Il professor Jimmy Volmink, Professore della Facoltà di Medicina presso l’Università di Stellenbosch, ha detto al The Telegraph che la scheda non sembra riflettere le prove dello studio di scimmia, che era fatto in modo “non corretto”.
 

Ha affermato che le persone colpite dalla tubercolosi sono spesso povere e “non molto altamente istruite”, rendendo particolarmente importante che siano state date “informazioni chiare e comprensibili“.
Quasi 1.500 bambini in Sud Africa hanno ricevuto il nuovo vaccino e i genitori sono stati pagati nella regione di £ 10 per partecipare. 

Il regolatore sudafricano che ha approvato il processo ha ammesso a questo giornale che il foglio informativo fornito ai genitori “potrebbe essere interpretato come fuorviante“, sollevando le domande circa le famiglie sufficientemente informate. 

Gli scienziati di Oxford che hanno condotto il processo sostengono che il vaccino è sicuro per i bambini e che il loro esperimento è stato approvato da diversi regolatori in anticipo. 

Hanno detto che hanno seguito lo sviluppo dei bambini per due anni dopo la vaccinazione – un periodo di tempo approvato dai regolatori. 

Lo studio sulle scimmie che preoccupava il Prof Beverley iniziò nel novembre 2006 e l’applicazione per la prova del vaccino nel Capo Occidentale è stata presentata 18 mesi dopo. 

Intorno a questo periodo, il Prof. Beverley ha sentito che gli animali in uno studio dovevano essere eutanizzati “piuttosto rapidamente“. 

Tutte le scimmie sono state infettate da TB, ma un gruppo è stato somministrato con il vaccino BCG ampiamente utilizzato, un secondo non è stato vaccinato e al terzo è stato dato il solito BCG più questo nuovo vaccino come booster. 

La prova sui bambini è iniziata nel luglio 2009 e quasi la metà dei 2.800 neonati che hanno partecipato hanno ricevuto il nuovo vaccino. 

Nel 2013 è stato annunciato l’esito della sperimentazione sui neonati e ha concluso che il nuovo vaccino non offriva alcuna protezione. 

Il professor Beverley, un principale ricercatore associato presso l’Università di Oxford fino al 2010, si è lamentato formalmente all’università. 

È stata lanciata un’inchiesta e concluso che, anche se non vi era stato un errore di metodo(guarda caso rispettano sempre tutti la legge), “sarebbe stata una buona pratica per la reazione potenzialmente avversa osservata nell’esperimento sulle scimmie da comunicare alle autorità in modo più tempestivo“. 

La professoressa Helen McShane, uno dei maggiori scienziati che ha sviluppato il nuovo vaccino, ha affermato che lo scopo dello studio di scimmia era quello di “testare l’ aerosol delivery” sugli animali, non di “produrre informazioni di sicurezza“. Ahh. 

Ha poi aggiunto che è stato un “esperimento fallito” perché “non c’era differenza” tra i gruppi”. 

Prof McShane ha detto al Telegraph che non vi era alcun ritardo nella fornitura di dati dall’esperimento di scimmie ai regolatori. 

Ha detto che non pensava che le famiglie in Sudafrica venissero sfruttate e che i regolatori avessero firmato la scheda informativa che è stata data ai genitori. 

Ha aggiunto che il trial sulle scimmie conteneva un numero “limitato” di animali e il professor Beverley era “scontento”. 

Il Consiglio di Controllo dei Medicinali sudafricani, uno dei regolatori che ha approvato la prova, ha dichiarato che un “grande insieme di dati” – a parte l’esperimento di scimmie e che includeva precedenti sperimentazioni umane – è stato considerato come parte del processo di approvazione. 

Hanno anche detto che l’esperimento sulle scimmie “non è stato un trial del vaccino per le scimmie” e che “non c’era suggerimento che il vaccino fosse pericoloso nelle scimmie o che avesse causato malattia o morte” (però le scimmie sono morte o sono state abbattute) (la faccia tosta di questi tipi non finirà mai) 

Tuttavia, quando si chiede la scheda informativa che è stata data ai genitori, il regolatore ha dichiarato: “In retrospettiva, le informazioni sull’efficacia raggiunta negli studi sugli animali possono essere interpretate come ingannevoli“, anche se “la prova della sicurezza negli studi precedenti umani è stata giustamente riportata”.Di certo, le autorità sanno usare le parole giuste per mistificare i fatti. Poi voi analizzateli come preferite.

Dal Telegraph

 

Commenta

Sharing is caring!

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *