Da “Science” : Evitare carne e latticini è la migliore scelta individuale per ridurre l’impatto ambientale.

Quali sono i danni che gli allevamenti di animali provocano al nostro pianeta? Se lo sono chiesti dei ricercatori, e sono arrivati ad una conclusione abbastanza chiara : senza il consumo di carne e latticini, le terre utilizzate per allevare ed uccidere animali diminuirebbero di più del 75%, un’area grande quanto gli Stati Uniti la Cina l’Europa e l’Australia insieme.
Sapete su che giornale è stato pubblicato? Su Science, così già tagliamo i detrattori vari su riviste predatorie e cose del genere.

Siete sicuri che la sovrappopolazione sia un problema tanto grave guardandola da questa prospettiva? Pensate soltanto a quanto spazio in più ci sarebbe, quante risorse in più sia umane che economiche potrebbero essere impiegate in tantissimi altri modi! Gli allevamenti intensivi sono responsabili in larga misura della estinzione di animali selvatici, sono sempre di più infatti le aree disboscate per fare spazio agli allevamenti.

 

Questo studio ha dimostrato che sebbene carne e latticini diano semplicemente il 18% di calorie ed il 37% di proteine, questi due prodotti usano l’83% delle terre usate per l’agricoltura e producono il 60% del gas serra relativamente sempre a questo settore. Altre recenti ricerche mostrano che l’86% di tutti i mammiferi terrestri o siamo noi esseri umani o sono gli animali di allevamenti intensivi.
Se non bastasse, pensate che anche il minimo, il minimo, consumo di carne e latticini produce più danno ambientale rispetto al consumo dei peggiori, relativi al consumo di acqua e terreno, vegetali e cereali

Come potete vedere, lo studio ha preso in analisi diversi fattori, inquinamento dell’aria dell’acqua gas serra utilizzo di terreni ed altro ancora. Si è basato sullo studio di 40.000 fattorie in 119 paesi, analizzando i 40 cibi più mangiati al mondo. Andiamo a vedere un pochino meglio cosa i ricercatori hanno analizzato e quali sono state le loro riflessioni.

Team di ricerca presiediuto da Joseph Poore, ricercatore ambientale ad Oxford

Parole davvero interessanti le sue

 

“Il motivo per cui ho iniziato questo progetto era quello di capire se esistessero della fattorie che producessero alimenti di origine animale in maniera sostenibile. E durante questo progetto che è durato per 4 anni, anche io ho smesso di mangiare prodotti animali. Questi non sono necessari per il nostro stile di vita moderno, la questione che ci possiamo porre è come possiamo ridurre questo spreco di risorse? Una alimentazione vegetale è probabilmente il modo migliore per ridurre il proprio impatto sul pianeta Terra, e non sto parlando soltanto di gas serra, ma anche di utilizzo di terre, acidificazione del suolo, utilizzo dell’acqua! Questo è qualcosa di molto più grande di comprare un auto elettrica ad esempio, perchè l’agricoltura è un settore che riesce ad incidere su tutti i problemi di tipo ambientale. Sono davvero gli alimenti di origine animale ad essere responsabili in larga scala per questo. Evitare il consumo di prodotti animali porta un beneficio ambientale maggiore rispetto a quello di provare ad acquistare latticini e carni sostenibili. Le enormi variabili che possono esserci da fattoria a fattoria però presentano l’opportunità di ridurre questo danno, quindi non è che stiamo dicendo alla popolazione globale di diventare vegana. Se ad esempio le fattorie meno sostenibili, diciamo la metà di quelle peggiori, fossero rimpiazzate da fattorie che producono cibo vegetale, si arriverebbe ad un miglioramento che raggiungerebbe i 2/3 di quello che si farebbe se invece togliessimo definitivamente carne e latticini!

Joseph Poore

 

Ci sono migliaia e migliaia di fattorie che hanno bisogno di migliorare il loro impatto ambientale, e non è facile. Possiamo parlare di una sfida per l’agricoltura, che è la più difficile di tutti i settori! Sono tantissimi i soldi investiti nei sussidi, circa 500 miliardi di dollari ogni anno, e con questi soldi si potrebbero fare davvero delle cose buone. Ad esempio a cominciare dalle etichette, che potrebbero rivelare l’impatto ambientale per la produzione di quel singolo prodotto, in maniera tale da permettere al consumatore di scegliere quello che è stato meno “pesante” per l’ambiente e sarebbe un buon inizio. Altra cosa che si potrebbe fare, dare più sussidi alle aziende che producono cibi vegetali e tassare di più chi produce carne e latticini.
Una sorpresa che abbiamo riscontrato durante questo progetto, è l’enorme impatto del pesce fresco d’allevamento, da cui arrivano in Asia i 2/3 del pesce, mentre per l’Europa addirittura il 96%. E si pensava che fossero relativamente “enviromental friendly, ma invece basti pensare a dove vengono stipati negli allevamenti, ed è la zona perfetta per la produzione di metano.
Altra sorpresa è stata quella sul manzo grass-fed, perchè si pensava che l’allevamento estensivo fosse di poco impatto, ma invece è risultato essere molto più negativo per l’ambiente rispetto ai cibi vegetali. Perchè convertire l’erba in carne è come convertire il carbone in energia, c’è un passaggio in più e questo da come risultato una spesa enorme in emissioni. “

 

Possiamo vedere un altro grafico preso dallo studio in questione, quante emissioni di gas serra dalla produzione dei cibi?

 

 

 

Direi abbastanza esplicativo, come questo

 

Il geofisico Gidon Eshel, professore al Bard College negli USA, esperto di fisica ambientale, ha dichiarato  ” Sono sbalordito, è uno studio importante, ambizioso, rivelatorio e progettato benissimo. Gli studi precedenti sull’argomento utilizzavano un approccio top-down, questo invece bottom-up, avendo dati singoli di ogni azienda, e presenta risultati che sono profondamente rivelatori

Tim Benton, professore all’ Università di Leeds : ” Questo studio è immensamente utile, perchè porta insieme un grande numero di dati il che rende la sua conclusione molto più robusta. Il modo in cui noi produciamo consumiamo e sprechiamo cibo non è sostenibile da una prospettiva del pianeta Terra. Considerando l’epidemia mondiale di obesità, un cambio di alimentazione con più verdure e frutta sul nostro piatto, ha la possibilità di rendere sia noi che il nostro pianeta più in salute”.

 

Per concludere, ancora una volta ripetiamo che i fatti parlano chiaramente, da qualsiasi prospettiva vogliate guardarla : salute, sostenibilità ambientale ed economica, che rendono ancora più ingiustificata la violenza su altri esseri senzienti.
Cosa rattrista? Il fatto che motivazioni valide da un punto di vista economico, ambientale, sociale, e di salute, vengano messe in secondo piano per una questione di sapore. Mangiare quella fetta di carne vale di più della sofferenza che ha patito quell’animale, degli antibiotici che ha preso, dello stress che ha subito dal primo all’ultimo giorno della vita, dei vegetali che potrebbero andare direttamente a noi, dell’acqua e dei terreni risparmiati, delle decine e decine di specie che si estinguono a causa di questa selvaggia corsa all’allevamento? Davvero?

Nessuno obbliga nessuno a diventare vegani, basta prendere consapevolezza del nostro impatto su questo pianeta, ricordarsi ogni giorno che siamo ospiti e non padroni, che sono le scelte che prendiamo ogni giorno ad avere valore, ed il resto verrà da sè.

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *