Uno studio italiano associa gli antidepressivi al diabete di tipo 2.

Virginio Salvi, psichiatra dell’ ASST Fatebenefratelli-Sacco di Milano, si chiede se l’ assunzione di antidepressivi aumenti il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. I risultati del nuovo studio di Salvi e dei suoi colleghi, pubblicati in PLoS ONE, forniscono un’ ulteriore prova che l’ uso di antidepressivi è legato al diabete, anche quando si controllano fattori di confusione. Gli autori scrivono:

Questa meta-analisi aggiornata conferma l’ associazione tra uso di antidepressivi e diabete. Anche se rimane ancora in discussione se questa associazione sia causale o meno, a nostro parere nessuno dei bias proposti da autori precedenti sembra essere in grado di spiegarlo appieno “.

Il 13 per cento della popolazione statunitense è attualmente sottoposto ad antidepressivi. Le precedenti meta-analisi suggeriscono che chi usa antidepressivi ha 1,5 volte più probabilità di sviluppare il diabete rispetto a chi non li usa. L’ anno scorso, uno studio ha mostrato la riduzione della secrezione di insulina pancreatica in individui che assumono SSRI con una storia di diabete, e un aumento del rischio di dipendenza da insulina nelle persone che assumono SSRI che hanno il diabete di tipo 2.

Anche i farmaci antipsicotici hanno dimostrato di elevare il rischio di diabete. Tuttavia, altri studi non hanno dimostrato un legame tra antidepressivi e diabete. Inoltre, fattori confondenti come la correlazione tra depressione e diabete, separati dall’ uso antidepressivo, rendono difficile dimostrare una relazione causale.

Data la prevalenza molto elevata di antidepressivi e diabete nella popolazione in generale, chiarire questa questione è di estrema importanza per la salute pubblica “, scrivono gli autori.

Pertanto, i ricercatori hanno condotto una meta-analisi aggiornata, che combina i dati di studi multipli, per valutare il rischio di sviluppare il diabete durante l’ assunzione di antidepressivi. I ricercatori hanno identificato 20 studi (segnalati in 17 articoli) dal 2000 al 2016 che hanno valutato il rischio di sviluppare il diabete durante l’ assunzione di antidepressivi, rispetto a individui che non assumono antidepressivi.

Undici studi hanno mostrato una relazione statisticamente significativa tra l’ uso antidepressivo e lo sviluppo di diabete di tipo 2. Solo due studi non hanno trovato alcuna associazione. I ricercatori riferiscono che i partecipanti che assumono antidepressivi erano 1,27 volte più propensi a sviluppare il diabete rispetto ai partecipanti che non erano esposti ad antidepressivi.

Gli autori ritengono inoltre che studi di qualità superiore dimostrino una maggiore probabilità di sviluppare il diabete (rischio relativo = 1,4). I risultati dimostrano ancora una relazione tra l’ uso antidepressivo e il diabete da neonato anche quando gli autori controllano per due dei più grandi fattori di bias: aumento di peso causato da antidepressivi, e la correlazione tra diabete e una diagnosi di depressione . Esse affermano, tuttavia, che “va osservato che non si può escludere del tutto il bias residuo”.

Molti studiosi suggeriscono che la relazione riscontrata tra antidepressivi e diabete è in realtà dovuta a’ preconcetti di accertamento‘, il che significa che le persone sotto antidepressivi sono più propensi ad avere visite mediche e hanno il loro sangue prelevato, ed è, quindi, più probabile che il loro diabete sarà identificato.

Tuttavia, i ricercatori sostengono che gli studi precedenti erano metodologicamente difettosi, con conseguente sottovalutazione del diabete nel campione clinico. Essi osservano che quello studio nel loro campione controllato per l’ accertamento di preconcetti ancora trovato una correlazione statisticamente significativa tra antidepressivi e diabete.

Gli autori concludono,”il nostro studio conferma ancora una volta l’ associazione tra antidepressivi e l’incidenza del diabete, suggerendo ancora una volta cautela nel prescrivere questi agenti a pazienti a rischio di diabete mellito“.

Gli autori ipotizzano che uno dei motivi per cui gli AD possano portare al diabete è l’ effetto collaterale del farmaco di aumento di peso. Essi osservano inoltre che gli AD sono eterogenei e hanno effetti farmacologici variabili (ad esempio, AD diversi agiscono sul cervello e sul corpo in modi diversi).

Pertanto, gli autori chiedono maggiori ricerche sugli AD individuali, o su un gruppo di AD con proprietà farmacologiche simili. Con un numero sempre maggiore di individui ai quali sono stati prescritti AD, è necessario comprendere meglio gli effetti collaterali e l’ impatto sulla salute a lungo termine degli individui.

Salvi, V., Grua, I., Cerveri, G., Mencacci, C., Barone-Adesi, F. (2017). The risk of new-onset diabetes in antidepressant users – A systematic review and meta-analysis. PLoS ONE 12(7): e0182088. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0182088

Da Mad in America

Commenta

Sharing is caring!

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *