Il Prozac può impedirti di innamorarti.

Come gli SSRI devastano il corteggiamento.

Megan e Neil erano sempre stati innamorati l’uno dell’altro. Timidi e poco abituati ad uscire, si sono incontrati in una gita di gruppo al liceo dove hanno passato la serata a flirtare. Megan ricorda ancora il sentimento di eccitazione che l’ha sorvolata la prima volta che si sono tenuti per mano. Da quel momento in poi, “hanno trascorso tutto il tempo insieme come due bambini senza patente di guida”.

Quando sono entrati all’università, erano determinati a stare insieme. Ma il trasferimento da casa è stato difficile per Megan. Dolore nostalgia di casa, ha trascorso l’inizio del suo primo anno da matricola sentendosi sradicata, ansiosa e disorientata. Come il semestre è finito, è caduta in una profonda depressione.

Megan ha iniziato ad assumere antidepressivi e quasi subito si è sentita più stabile e in grado di affrontare la situazione. Ma il suo rapporto con Neil ha preso una brutta piega. Dopo pochi mesi, la sua capacità di raggiungere l’orgasmo scomparve. Anche se sapeva che questo era probabilmente un effetto collaterale dei suoi farmaci, Megan non riusciva ancora a scrollarsi di dosso la sensazione che questo fosse un segno di problemi nella relazione. Frustrata, cominciò ad allontanarsi da Neil. Quattro anni di intimità si sciolsero rapidamente, e la coppia si separò.

L’esperienza di Megan non è insolita. I medici sono alle prese con disfunzioni sessuali da quando negli anni ’80 sono stati introdotti gli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina). Circa il 70 per cento delle persone che assumono SSRIs soffrono di effetti collaterali sessuali. Ma questi farmaci possono anche compromettere la capacità di sentire l’amore.

L’antropologa della Rutgers University Helen Fisher, per esempio, ritiene che gli SSRI stiano devastando il corteggiamento umano. Gli SSRI, si presume, alleviano la depressione aumentando i livelli di serotonina nel cervello e limitano la produzione del neurotrasmettitore dopamina. Purtroppo, la dopamina è anche responsabile dei sentimenti di euforia ed estasi che accompagnano l’innamoramento. Sopprimendo la dopamina, sostiene Fisher, farmaci come il Prozac bloccano la capacità di avere questi sentimenti, rendendo così più difficile innamorarsi e rimanere innamorati.

Questo deficit di dopamina colpisce le persone in vari modi, secondo Fisher e il suo partner di ricerca, uno psichiatra della Virginia, J. Andrew Thomson, Jr. I single che usano antidepressivi possono avere difficoltà nell’incontrare le persone, perché la loro naturale risposta sessuale è attenuata. Alcuni ricercatori ritengono che il desiderio è stato progettato per aiutare le persone a selezionare i compagni che sono geneticamente adatti a loro. La scintilla che si accende incontrando qualcuno di nuovo ti sta dicendo qualcosa: questa potrebbe essere la tua partita. Quando si perdono quei segnali, le probabilità di trovare un compagno appropriato diminuiscono.

Anche se sei uno dei fortunati che riescono a trovare l’amore mentre prendi i SSRI, hai ancora alcuni ostacoli da superare, dice Fisher. Come Megan, si può perdere la capacità di raggiungere l’orgasmo, e questo potrebbe causare problemi di relazione a lungo termine. Orgasmi che innescano il rilascio dell’ormone ossitocina, che è stato collegato con il legame di coppia. Infatti, coloro che non riescono a raggiungere l’orgasmo, grazie agli SSRI, possono trovarsi in netto svantaggio quando si tratta di accoppiamenti e legami.

Secondo Fisher, l’orgasmo femminile è un importante meccanismo di sopravvivenza: si è evoluto per aiutare le donne a scegliere i compagni appropriati. La teoria: se un uomo è abbastanza paziente e attento da portare una donna all’orgasmo, è più probabile che sia un buon partner e padre. Quando le donne non riescono a raggiungere l’orgasmo, perdono uno dei mezzi più affidabili per filtrare i partner inadatti.

La Fisher riconosce che gli SSRI hanno aiutato milioni di persone a superare la depressione debilitante, ma ritiene che i benefici dei farmaci debbano essere valutati in rapporto ai loro rischi. Un tempo considerata l’ultima risorsa per le persone in acuto disagio emotivo, Fisher ritiene che gli SSRI siano ora ampiamente sovraprescritti.

Ci sono tanti tipi di persone che hanno bisogno di questi farmaci per ottime ragioni e dovrebbero prenderli. Ma questo non significa che non dovrebbero essere informati dei rischi”. Fisher prevede di lanciare uno studio che esamini l’impatto a lungo termine degli SSRI sul comportamento degli accoppiamenti.

Megan ha lavorato a stretto contatto con il suo psichiatra per trovare un regime farmacologico che le ha restituito il suo desiderio e le sensazioni di connessione. Da allora ha incontrato e sposato un uomo nuovo. Tuttavia, i suoi problemi non sono scomparsi del tutto. Megan ha ancora momenti in cui scambia la mancanza di desiderio sessuale come un problema nella sua relazione. Non è sola, dice Thomson. “I pazienti devono sapere che gli effetti collaterali sessuali possono essere sottili, o possono incolpare se stessi o la loro relazione”.

Da Psicology Today

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.