Quello che mangi in gravidanza modifica il microbioma del nascituro!

E c’era bisogno di uno studio per dirlo? Probabilmente no, ma abbiamo un tassello da aggiungere adesso.

La dieta della madre durante la gravidanza può avere un effetto sulla composizione del microbioma intestinale del suo bambino  e l’effetto può variare a seconda della modalità di parto, secondo uno studio pubblicato sulla rivista open access Microbiome.

Sara Lundgren, autrice principale dello studio ha detto: “Il nostro studio dimostra un’associazione di un fattore facilmente modificabile, la dieta materna, con il microbioma dell’intestino infantile. Queste conoscenze possono essere fondamentali per lo sviluppo di prove basate su raccomandazioni dietetiche per le donne in gravidanza e allattamento“.

Lundgren e colleghi del Dartmouth-Hitchcock medical Center, USA hanno scoperto che il microbioma intestinale nei neonati sei settimane dopo il parto era composto principalmente da Enterobactericeae (~20%), Bifidobacterium (18,6%), Bacteroides (10,44%) e Streptococcus (8,10%).

Gli autori hanno identificato tre distinti gruppi di microbi nelle viscere dei 97 bambini inclusi in questo studio che erano stati partoriti vaginalmente. Il Cluster 1 è stato caratterizzato da un’elevata abbondanza di Bifidobatterio, il cluster 2 da un’elevata abbondanza di Streptococco e Clostridium, mentre il cluster 3 da un’elevata abbondanza di Batteridi. Questi gruppi erano differenti per i 48 bambini partoriti con cesareo, dove il gruppo 1 mostrava un’alta abbondanza di Bifidobatterio, il gruppo 2 era caratterizzato da un’alta abbondanza di Clostridium ma bassa di Streptococco, e il gruppo 3 mostrava un’alta abbondanza di Enterobactericeae.

Gli autori hanno anche osservato quelli che sembrano essere gli effetti di alcuni aspetti della dieta delle madri sul microbioma intestinale dei bambini.

Nei neonati partoriti vaginalmente, le probabilità di essere nel gruppo 2 erano 2,73 volte superiori per ogni porzione supplementare di frutta consumata dalle madri al giorno. Il bifidobatterio è risultato essere diminuito nei neonati nati vaginalmente se le madri mangiavano più frutta, ma è aumentato nei neonati nati da cesareo in relazione al consumo delle madri di carne rossa e trasformata. Nei bambini partoriti dalla sezione cesareo, le probabilità di essere nel gruppo 2 erano 2,36 più alte per ogni porzione materna supplementare di latticini al giorno.

Ancora la Dr.essa Lundgren: “Abbiamo analizzato i neonati partoriti vaginalmente e per sezione cesarea in gruppi separati a causa delle nostre conoscenze precedenti sul trasferimento di microbiota materno al neonato che si verifica durante il parto vaginale, ma non con il parto per sezione cesarea. Ci aspettavamo risultati diversi in base alla modalità del parto, ma siamo rimasti sorpresi di scoprire che l’abbondanza di alcuni microbi sono aumentati in associazione con l’assunzione materna di un gruppo di alimenti con il parto vaginale, ma è diminuito in quello cesareo.”

Per far luce sui meccanismi con cui la dieta materna può influire sulla salute dei bambini attraverso il microbioma intestinale, gli autori hanno utilizzato campioni di feci di 145 bambini iscritti al New Hampshire Birth Cohort Study, un progetto di ricerca che indaga su come i vari fattori influenzano la salute delle donne incinte e dei loro figli. La maggior parte dei neonati i cui dati sono stati utilizzati in questo studio sono nati vaginalmente (66,9%) ed esclusivamente allattati al seno (70,3%) a sei settimane di età. Informazioni sulle diete delle madri durante la gravidanza a 24- 28 settimane di gestazione sono state ottenute tramite questionari di frequenza alimentare.

Gli autori avvertono che, poiché il loro campione includeva solo madri e bambini del Nord New England, che ha una popolazione relativamente omogenea, la generalizzabilità dei risultati può essere limitata. Gli autori sottolineano inoltre che gli effetti osservati in questo studio possono essere dovuti in parte alla dieta materna durante l’allattamento. La natura osservativa dello studio non consente di trarre conclusioni circa la causa e l’effetto o la direzionalità dell’associazione osservata tra la dieta materna e il microbioma dell’intestino del bambino.

Ma d’altronde gli studi rimangono statistica, rimane comunque qualcosa di interessante no?

Commenta

Autore dell'articolo: GG

Foto del profilo di GG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *